[A] Dall'Agorà di ClubDante

Jorge Volpi
Messico

FacebookTwitterLinkedInMail-To

50 tweet per le elezioni in Messico


22/06/2012

1. Per 72 anni il Partito Rivoluzionario Istituzionale messicano (PRI) è stato un’agenzia di collocamento. Dopo dodici anni lontano dal potere, oggi è un’agenzia di pubblicità.
2. Nei dodici anni all’opposizione, il PRI non è cambiato di una virgola. È cambiato, malgrado lui, il resto del paese.
3. Il PRI non aspira a recuperare la Presidenza, ma  a far girare in senso inverso le lancette dell’orologio.
4. I Priisti non sono come gli infelici dinosauri, estinti per un meteorite. Sono come insetti: perciò sono ancora lì.
5. Non tutto è stato un male quando ha governato il PRI. Ma sono le sue parti peggiori quelle che oggi vanta come successi.
6. Modernità significa, per il PRI, cambiare la pettinatura all’ex presidente e fondatore del PRI Plutarco Elías Calles.
7. Un priista che combatte la corruzione è un serpente che si morde la coda fino a scomparire.
8. L’unico prodotto che il PRI promette in questa campagna elettorale: grandi, enormi, fastose dosi di passato.
9. Nulla di più desolante, né di più contraddittorio, di un giovane nostalgico del PRI.
10. Se almeno il PRI potesse riparare il disastro lasciato dal PAN, il Partido de Acción Nacional, oggi al governo. Solo che è parte essenziale di quel disastro.
11. Il guaio è che, dopo tutti questi giorni di campagna elettorale, ancora nessuno sa chi è Enrique Peña Nieto, il candidato del PRI.
12. Fin da prima dell’inizio della campagna elettorale, Enrique Peña Nieto, il candidato del PRI, era in testa ai sondaggi. Il suo unico merito? Non essere Calderón, l’attuale presidente messicano (del PAN).
13. Enrique Peña Nieto, o il bel Dorian Gray il cui ritratto cela la sinistra deformità del PRI.
14. Dice Enrique Peña Nieto che il suo successo non sarà dovuto alla televisione. No: a chi gli paga gli spot elettorali.
15. Se solo Enrique Peña Nieto fosse muto...
16. Enrique Peña Nieto, così carino e così ingiustamente aborrito dai giovani, dai cittadini della capitale, dai settori più colti del paese.
17. Firmare impegni davanti a un notaio è la prova più evidente che il PRI non si fida della parola d’onore.
18. Essere un grande candidato e un pessimo governante, come Fox (il precedente presidente, del PAN). Le trappole di una democrazia soltanto elettorale.
19. All’opposizione, il PAN era pronto a morire per la democrazia. Al potere, il PAN ha democratizzato i morti.
20. Ci si poteva immaginare un governo peggiore di quello di Fox? Il PAN che supera se stesso.
21. Nemmeno con il miglior candidato del mondo un partito che ha lasciato 60.000 morti (il PAN) potrebbe restare al potere.
22. Fox, il precedente presidente, non ha approfittato di sei anni di giubilo; per controbattere, Calderón (l’attuale presidente) ci ha dato sei anni di lutto.
23. Il Messico ha resistito ai peggiori governi del PRI, ma non può resistere ad altri 60mila morti.
24. Dichiarare una guerra (al narcotraffico) senza conoscere il nemico né le proprie armi. A un generale costerebbe i galloni e la libertà.
25. L’unico che ha diviso il paese è stato Calderón: di là i cattivi, di qua i buoni. Come se vivessimo su una scacchiera.
26. Quello del PAN passerà alla storia come il governo che, con le migliori intenzioni, ha fatto più danni al paese.
27. Josefina Vázquez Mota (JVM) era la migliore candidata del PAN per un unico motivo: non essere la favorita di Calderón.
28. Josefina Vázquez Mota, o la casalinga che non osa denunciare la violenza domestica del suo predecessore.
29. Impossible que Josefina Vázquez Mota vinca senza prendere le distanze da Calderón. Come riuscire a nuotare con 60mila pietre sulla schiena?
30. Josefina Vázquez Mota, la donna che (nelle primarie) ha sconfitto i panisti… e soltanto loro.
31. Silurata dai suoi, Josefina Vázquez Mota ha tardato troppo a mostrare la sua unica carta forte: la sua battaglia con la Maestra.
32. Messa di fronte a Calderón, Enrique Peña Nieto (EPN) e Andrés Manuel López Obrador (AMLO, il candidato del PRD, Partido de la Revolución Democrática), Josefina Vázquez Mota (JVM) non ha saputo né come né quando attaccare ciascuno dei tre.
33. AMLO, Andrés Manuel López Obrador, o il profeta che non si decide tra l’essere il Mosé iracondo o l’amorevole Gesù.
34. Se solo Andrés Manuel López Obrador  non avesse mandato al diavolo le istituzioni...
35. Se solo i sondaggi avessero favorito Marcelo Ebrard...
36. È da molto che il DF (il Distrito Federal, quello di Città del Messico) ha perdonato Andrés Manuel López Obrador per la “sòla” quando non si è presentato a una manifestazione. Il resto del paese, no.
37. Grande invenzione, la Repubblica Amorevole, per ripulire l’immagine di Andrés Manuel López Obrador (AMLO). Ma c’è bisogno di ripulire quelli che lo sostengono.
38. Solo se Andrés Manuel López Obrador trasforma le elezioni in un referendum sul PRI, le elezioni diventeranno competitive.
39. Quadri, o il discorso più moderno e liberale al servizio degli interessi più anchilosati e conservatori.
40. La democrazia consiste sempre nello scegliere il “meno peggio”. Ma questo sembra già troppo...
41. EPN perché non sia JVM; AMLO perché non sia EPN. JVM perché non sia AMLO. La nostra triste geometria.
42. Tutti prendono le distanze, ma non da ciò da cui dovrebbero: EPN, dal PRI; JVM, da Calderón; AMLO, dal AMLO del 2006.
43. Non dimentichiamoci che, se esiste un fronte anti-EPN, non è perché EPN sia un fuoriclasse, ma perché è EPN.
44. La televisione, unico diffusore di massa del lavoro di un uomo di governo. Se appoggia un solo candidato, che democrazia rimane?
45. Unendosi contro EPN, i giovani combattono contro gli spiragli autoritari che ci minacciano.
46. Televisa è stata, sempre, un fedele soldato del PRI (Azcárraga, il suo proprietario, dixit). Perché adesso dovrebbe essere diverso?
47. I monopoli, e specialmente quelli mediatici, non appoggiano EPN: lo hanno trasformato in un loro ostaggio.
48. Una campagna elettorale in cui non importano le idee, ma gli stili. Solo così si spiega il vantaggio di EPN.
49. I giovani in piazza sono un sintomo. Invece di giudicarli, la classe politica dovrebbe scoprire di cosa.
50. Scegliere tra la corruzione passata (PRI), il massacro presente (PAN) e il disprezzo per la legge (PRD)...

 

Twitter: @jvolpi

http://noticias.terra.com.mx/

Copyright 2012 by Empower Consulting Srl. Tutti i diritti sono riservati.
ClubDante S.r.l. è una società del Gruppo Empower Consulting S.r.l..
Tutti i servizi di comunicazione digitale del Portale sono forniti per mezzo della piattaforma Mail-Maker.